Demolizione Auto con Bollo non pagato. Cosa succede?

Demolire Auto con Fermo Amministrativo: Rottamazione con Debiti
23/05/2020

Demolizione Auto con Bollo non pagato. Cosa succede?

Demolizione auto in caso di bollo non pagato 

 

Un fatto sicuro è che quando si rottama una vettura, non si dovrà più pagare il bollo in futuro, dato che l’auto verrà cancellata per sempre dal PRA. Ma per il passato? A volte ci si può ritrovare a voler demolire l’auto ma senza aver pagato alcune tasse relative al bollo negli ultimi anni.  

Cosa fare? Soprattutto, si può eseguire la demolizione con il bollo ancora da pagare? Scopriamo cosa dice la normativa in proposito. 

 

Leggi sul bollo auto e la rottamazione 

Una volta consegnata la vettura ad un centro autodemolizioni sarà cura del rottamatore non solo demolire fisicamente il veicolo, ma effettuare la radiazione dell’auto dal PRA. Dovrà poi consegnare al proprietario il documento, entro 30 giorni, che attesta la cancellazione dell’auto dal Pubblico Registro Automobilistico. A quel punto, anzi da quel momento in poi non sarà più necessario pagare il bollo auto. Per i bolli non pagati in sospeso, però, è cosa ben diversa… 

 

Secondo le normative vigenti, la radiazione della vettura dal PRA, potrebbe avvenire anche se il bollo auto non viene pagato. Ossia, non ci sono riferimenti normativi precisi sul fatto che non si possa demolire un’auto con bollo non pagato, dato che non viene attuata una procedura per esigerlo prima della rottamazione. Però, è bene sapere che certamente la Regione dove si trova registrata l’auto, potrà inviare al proprietario del veicolo la richiesta di pagamento degli arretrati dovuti, come ente beneficiario. 

 

Esistono controlli sui bolli auto non pagati? 

Nel momento in cui si decide di portare la vettura all’autodemolizione, non scatta nessuna procedura di verifica sui pagamenti del bollo arretrati. Questo non significa che non avverrà tale accertamento in futuro, e rimarranno quindi i bolli non pagati, e gli interessi di mora che aumentano fino al saldo finale. 
In alcuni casi, dopo molti anni gli interessi sono veramente alti e spesso scatta la procedura di fermo amministrativo per il veicolo quando il proprietario non riesce a saldare il debito. Si inizia con una penale di circa 2,5%, con interessi aggiuntivi al tasso del 3% fino al primo mese, che salgono al 3% di penale. Di regola dopo il primo anno la multa della Regione arriva con un valore del 30% del bollo in più, e interessi semestrali, e in tempi non lunghi si può arrivare alla cartella esattoriale e alla procedura di fermo del veicolo. 

 

In realtà, è consigliabile pagare la somma dovuta prima della rottamazione dell’auto, quindi sanare la posizione debitoria per evitare tali conseguenze, sicure quando il bollo auto non viene pagato per molto tempo.  

In questo caso, infatti, scatta come abbiamo visto un fermo amministrativo e il divieto di circolazione e di rottamazione, fin quando non viene estinto il debito. 

 

Riepilogando: la demolizione auto con bollo non pagato ma senza fermo amministrativo è una procedura consentita. Però, i bolli continuano ad essere “sospesi” come debiti, e verranno richiesti.  

Nel caso di fermo amministrativo, invece, non è possibile rottamare l’auto e sarà il demolitore stesso a rendersene conto, pure se il titolare non lo dichiara, tramite una visura che viene di regola effettuata per verificare la posizione fiscale sul veicolo. 

 

Quando fare la demolizione auto con bollo non pagato, per non pagarlo ancora 

 In quest’eventualità, però, è bene valutare la data di scadenza del bollo. Ad esempio, se il bollo auto scade a novembre 2020, il veicolo dovrà essere demolito entro ottobre, altrimenti vi sarà chiesto di pagare la tassa anche per il 2020/2021. 

A quel punto, se vi chiederanno di pagare la tassa, potreste farlo e poi richiedere il rimborso del bollo auto, visto che l’avete posseduta ancora solo per un mese. 

 

Per controllare quando andrebbe fatta la demolizione auto per non pagare il bollo, basta guardare la scadenza del bollo auto precedente, che indica i tempi massimi in cui muoversi. Si ragiona proprio a giorni, dato che il bollo è una tassa di possesso che il proprietario deve pagare fino all’ultimo giorno di validità – che fa riferimento al mese seguente del mese di scadenza del bollo precedente.
Continuando l’esempio, se scade a novembre, il pagamento deve essere fatto entro il mese successivo, quindi il 31 dicembre. Quindi, non si deve pagare il bollo se la radiazione dal PRA della vettura avviene prima del 31 dicembre, termine del mese successivo alla scadenza del bollo.  

 

Se si vuole chiedere il rimborso del bollo auto, dopo la demolizione, è possibile non solo sospendere l’assicurazione ma anche richiedere la restituzione dell’importo già pagato per la tassa, nella parte relativa al tempo dopo la demolizione.  

Il rimborso del bollo auto è solo frazionato, per la parte di tassa versata e non fruita, e la somma restituibile è calcolata in dodicesimi. Il rimborso avviene tramite bonifico bancario o postale, e dietro una domanda specifica da inoltrare all’ACI. A questo proposito, è bene chiarire che la normativa non è sempre uniforme essendo recepita da Regione in Regione in modo diverso. In molte Regioni, infatti, non è previsto il rimborso del bollo auto, mentre in altre sì – ci si può, quindi, informare meglio sui canali di comunicazione ACI della propria Regione. 

 

La sanzione per il pagamento del bollo dopo la demolizione 

In caso di mancato pagamento di questa tassa, la Regione di appartenenza innesca una procedura che parte dalla sanzione e richiesta di pagamento del debito, e può arrivare fino al già citato fermo amministrativo, ovvero il provvedimento fiscale che determina l’impossibilità di demolizione dell’auto.  

 

Non potrete portare certo la tua vettura dallo sfasciacarrozze, quindi, se avete un blocco fiscale attivo, mentre potrete portarcela se il fermo non è attivo e avete a carico solo dei bolli non pagati – per l’anno in corso o per un numero di anni che non ha determinato il fermo amministrativo. 

 

Ricordiamo che per ogni dubbio, è bene confrontarsi anche con il centro di autodemolizioni prescelto o con i nostri consulenti soscar.it. Perché chi gestisce la rottamazione auto è in costante aggiornamento sulle normative del settore, e può dare indicazioni sulla demolizione auto con bollo non pagato oppure con fermo amministrativo in corso. 

Comments are closed.